Per informazioni +39 02 5656 8574
sede legale liftern

SEDE LEGALE

Via Giuseppe Castiglioni 1
21052 Busto Arsizio

E: info@liftern.it
P: +39 02 5656 8574

sede operativa liftern

SEDE OPERATIVA

Via Pietro Nenni 5
20010 Bernate Ticino

E: customerservice@liftern.it
P: +39 02 5656 8574

Per informazioni +39 02 5656 8574

Senza categoria

Quanto sono sicuri gli ascensori?

eventi, Senza categoria

Vi siete mai chiesti quanto sono effettivamente sicuri gli ascensori?

Questa è una domanda che ci poniamo quasi tutte le volte che ci capita di salire in un ascensore.

In effetti molte persone hanno un po’ di ansia quando pensano di entrare in ascensore, ma queste apprensioni sono motivate?

Sicuramente il pensiero di poter precipitare nel vuoto o anche solo restare bloccati in cabina non è piacevole per nessuno, soprattutto per chi soffrisse di claustrofobia.

Ma realmente quali sono le probabilità che questo possa accadere? La risposta è MOLTO POCHE.

Come prima cosa è buono sottolineare che le FUNI, che sostengono la cabina, sono calcolate con coefficienti di sicurezza molto elevati.

Nel caso assai improbabile in cui si spezzassero, l’ascensore sarebbe frenato dal cosiddetto paracadute in grado di arrestarla in brevissimo tempo.

Se ancora non vi abbiamo convinti vi portiamo di seguito un po’ di numeri.

Il Center for Health Statistics riferisce che ogni anno negli Stati Uniti si verificano 27 decessi correlati all’ascensore, rispetto ai 1.600 incidenti correlati alle scale.

Per quanto riguarda l’Italia, ci affidiamo alle ricerche effettuate dalla compagnia assicurativa C.A. Broker per il periodo 2010-2015 ed hanno segnalato solo 8 incidenti gravi o mortali su un campione che comprende il 13% dei veicoli ascensoristi a livello nazionale.

Inoltre, sempre secondo la stessa fonte, il 45,3% degli incidenti è stato relativo a inciampi causati da gradini formatisi tra la soglia della cabina e lo sbarco a terra, e il 22,7% degli incidenti riguarda l’urto della porta automatica durante la sua chiusura.

I moderni impianti, infatti, non hanno più problemi di urto in sosta, grazie ai moderni sistemi di controllo della dinamica del veicolo.

Allo stesso modo, tutti gli ascensori moderni sono dotati di barriere fotocellule nelle porte che interrompono il movimento non appena una persona entra.

Se lo si desidera, questi sistemi possono essere facilmente integrati in impianti esistenti attraverso mirati interventi di ammodernamento.

 

Read more

6 Curiosità che potresti non sapere

eventi, Senza categoria
Manovratore ascensore nel 1900
  1. Il primo ascensore nasce nel 23 marzo del 1857 quando Elisha Otis inventò i paracadute di sicurezza rendendo un montacarichi un mezzo di trasporto anche per le persone. I primissimi modelli erano arredati come vere e proprie stanze con lampadari e mobili. L’ascensore viaggiava a 12 metri al minuto e di conseguenza la comodità diventava una necessità. Nei primi impianti un “autista” o manovratore umano, che veniva chiamato con un semplice fischio, movimentava l’ascensore.
  2. Hanno trasformato i piani alti accessibili alla nobiltà che lasciava le scale alla servitù. Dopo la loro nascita le famiglie nobili hanno iniziato ad apprezzare la vista dall’alto e privilegiare gli ultimi piani dando vita agli attici.
  3. Nonostante la velocità standard sia di 1m/s alcuni ascensori possono arrivare fino ai 60,6 km/h come quelli di Taipei 101. I grattacieli di Taiwan per percorrere 89 piani ci impiegano 40 secondi. Per la velocità così elevata è stato inserito all’interno un sistema di regolazione della pressione atmosferica, simile a quello degli aerei, per evitare fastidi alle orecchie dei passeggeri.
  4. Purtroppo, ad oggi, è ancora luogo di paura per molti che soffrono di fobie come la claustrofobia. Il fatto di restare chiusi in una stanza molto ristretta con persone sconosciute o, peggio ancora, da soli genera nei potenziali passeggieri un senso di ansia e sudorazione.
  5. Scioccante ma vero, una volta che le porte della cabina si chiudono l’ascensore può diventare luogo privato dove avere rapporti sessuali! Questo è stato confermato dalla Corte di Cassazione nel principio (Cass. 10060/2001), purché la cabina sia priva di vetrate.
  6. Trovarsi in un luogo ristretto generalmente può provocare un silenzio imbarazzante che solitamente viene interrotto dal cosiddetto “elevator pitch” o discorso d’ascensore. Questo termine aziendale usato per descrivere discorsi brevi ed efficaci durante il quale si presentano le proprie idee, nei tempi brevi di una corsa in ascensore.
Read more

“CANopen”: il nostro nuovo linguaggio

eventi, Senza categoria

Novità

A partire da Interlift 2022, Liftern Italia aderisce al protocollo dati standard aperto: CANopen.

Questo protocollo di comunicazione, plug-and-play, permette alle parti dell’ascensore di comunicare fra loro, come se parlassero la stessa lingua.

CANopen è un sistema personalizzato in grado di soddisfare tutte le esigenze del mercato offrendo soluzioni individuali.

E’ stato introdotto nel 2003, avendo successo in più di 27 paesi in tutto il mondo, e fornisce una piattaforma per più di 50 fornitori che offrono componenti e servizi compatibili con il sistema CANopen.

Questo protocollo permette di non dipendere da un solo fornitore di servizi completi, ma di comporre il sistema da vari produttori.

Infine, i benefici offerti sono molteplici:

  • Efficienza dal punto di vista energetico
  • Elevata disponibilità operativa
  • Miglioramenti flessibili e facili da realizzare
  • Bassi costi di progettazione e implementazione
  • Rilevamento automatico degli errori e l’autodiagnostica
  • Facilità di configurazione e modifica

Read more
Verifica biennale dell'ascensore

LA VERIFICA BIENNALE CHE NON DEVE MANCARE

eventi, Senza categoria

Pillole del settore

Gli ascensori in servizio permanente negli edifici e nelle costruzioni devono essere soggetti, oltre alle regolari visite di manutenzione ordinarie, anche a verifiche periodiche biennali come previsto per legge dal D.P.R. 162/99.

Ogni due anni la verifica periodica deve essere richiesta dal proprietario dello stabile, o dal suo legale rappresentate, e potrà essere effettuata da tecnici forniti di laurea in ingegneria dell’Asl, o dell’ARPA oppure dall’ organismo di certificazione autorizzato dal Mistero dello Sviluppo economico e notificato alla Commissione europea.  

Verifica biennale dell’ascensore

Il soggetto che esegue la verifica periodica viene affiancato dal personale dell’azienda incaricata alla manutenzione, che provvede ad effettuare delle verifiche e delle prove di determinati dispositivi su indicazione dell’ingegnere verificatore, utili per accertarsi che tutto sia sicuro e a norma di legge.

Infine, il verbale relativo alla verifica viene rilasciato al proprietario e potrebbe contenere delle prescrizioni che renderebbero il suo esito negativo; in questo caso, verrà comunicato all’ufficio comunale competente che provvederà ad apporre i sigilli fino al ripristino delle condizioni di sicurezza.

Perché le verifiche periodiche non devono mancare?

Perché ci permettono di tenere sotto controllo l’impianto e assicurarci che tutte le parti che lo compongono siano efficienti dal momento che da esse dipende la sicurezza dell’ascensore.

Inoltre, sono dirette ad accertare se è stato rispettato quanto prescritto ed impartito in precedenti verifiche.

Il proprietario dell’edificio ove l’ascensore è installato sarà colui che dovrà sostenere le spese per la verifica biennale.

Read more
Berna, Svizzera

Nozioni necessarie per l’installazione di un ascensore in Svizzera

eventi, Senza categoria

Pillole del settore

Quando si valuta di installare un ascensore in Svizzera, non aderendo all’Unione Europea, è importante tenere in considerazione diversi aspetti per evitare imprevisti.

Il più importante riguarda la commercializzazione di un ascensore in Svizzera che risulta possibile solo se viene annunciato dalla ditta entro 30 giorni dalla sua immissione sul mercato.

Berna, Svizzera

Secondo lOrdinanza sulla sicurezza degli ascensori (OAsc, RS 930.112), del 25 novembre 2015, all’art. 7, le seguenti indicazioni devono essere dichiarate:

a. l’impresa che immette sul mercato gli ascensori;

b. l’indirizzo del luogo di montaggio;

c. la data dell’immissione sul mercato;

d. a seconda del tipo di ascensore:

1. l’ambito di impiego (nell’impresa o fuori dell’impresa),

2. il tipo di trazione (elettrica o idraulica; con o senza locale macchina),

3. la corsa massima, il numero delle fermate e il carico nominale.

Read more
Burj Khalifa, Dubai

Ascensori più veloci, alti e suggestivi

eventi, Senza categoria

Curiosità nel mondo

Il Burj Khalifa di Dubai è il grattacielo più alto del mondo, ben 830 metri.
Burj Khalifa, Dubai

Il primo ascensore dedicato al trasporto di persone venne realizzato da Elisha Otis nel 1857 a New York. Venne costruito su cinque piani e la sua velocità era di 12 metri al minuto.

Oggi, 165 anni dopo, l’ascensore più veloce al mondo viaggia a 72 km/h, ossia 20 metri al secondo, e si tratta del Guangzhou CTF Finance Centre in Cina. Quest’ultimo ha 111 piani, raggiunge un’altezza di 530 metri ed è considerato un ascensore razzo caratterizzato da un motore a magneti. 

Per quanto riguarda gli ascensori più alti del mondo con un’altezza pari a 830 metri, il Burj Khalifa di Dubai si aggiudica il primo posto e impiega solo 1 minuto e 24 secondi per il raggiungimento dell’ultimo piano.

Per la realizzazione di questo grattacelo ci sono voluti sei anni e 1,5 miliardi di dollari; fu inaugurato nel 2010 ed ha raggiunto molteplici primati tra cui quello di essere l’edificio con più piani al mondo, composto da ben 163 piani.

Con 128 piani e 632 metri di altezza, la Shangai Tower, si aggiudica il secondo posto. È considerata l’edificio più alto della Cina e raggiunge una velocità di 69 km/h.

Il Taipei 101 è considerato uno degli ascensori più alti del mondo, ben 508 metri.
Taipei 101, Taiwan

Al terzo posto il Taipei 101 realizzato dalla Toshiba è considerato uno degli ascensori più alti al mondo con un’altezza pari a 508 metri e che impiega circa 30 secondi per raggiungere la cima.

Quando si parla di ascensori spettacolari, tra i primi da non perdersi c’è l’ascensore Bailong in Cina e lAquaDom a Berlino.

Il primo, anche conosciuto come l’ascensore dei Cento Draghi, si trova nello Zhangjiajie National Forest Park nell’Hunan, in Cina.

È famoso per essere l’ascensore esterno più alto al mondo, precisamente raggiunge i 326 metri, è in vetro ed è costruito su una scogliera. Il Bailong offre una vista mozzafiato sul famoso parco naturale cinese.

Per finire, il secondo ascensore che si differenzia per la sua spiccata originalità, si trova all’interno dell’AquaDom, l’acquario cilindrico di Berlino. Quest’ ascensore a vetrate permette ai visitatori di osservare da vicino la fauna dell’acquario, spostandosi anche nelle zone più profonde.

Read more